Record di adesioni per la seconda edizione, che registra un aumento del 60%

Lo scorso 5 dicembre sono terminate le selezioni della seconda edizione della Campari Barman Competition, il contest dedicato ai bartender che premierà il nuovo talento della mixology Campari, per lasciare spazio alla votazione on line che permetterà il ripescaggio di tre concorrenti attraverso il sito http://www.campari.com/it/it/cocktails/barman-competition-2014/

immagine

Le iscrizioni hanno fatto registrare un incredibile aumento in fatto di adesioni: più di 800 barman hanno inviato la propria ricetta per poter accedere alla fase di selezioni sul territorio. Un risultato sorprendente che testimonia il grande appeal del brand per i bartender.

La giuria di esperti del settore, guidata da Campari Academy, ha provveduto a selezionare dalle proposte ricevute, le 250 ricette che hanno permesso ai loro creatori di partecipare alla fase di selezione sul territorio che si è tenuta dal
1 al 5 dicembre 2014, a Milano, Roma e Bari. Da queste selezioni sono stati identificati i dieci semifinalisti che, insieme ai tre ripescati della fase on line, si sfideranno a Gennaio 2015 per il titolo di Campari Barman of the Year nella esclusiva cornice della Campari Academy presso gli Headquarters Campari a Sesto San Giovanni. Dal 10 al 30 dicembre sarà possibile votare il proprio barman preferito sul sito www.camparibarmancompetition.it

Il tema di ispirazione per tutti i concorrenti è quest’anno il perfetto aperitivo in stile italiano. L’aperitivo rappresenta una delle grandi espressioni dell’eccellenza italiana, un rito che è diventato protagonista del quotidiano e che rappresenta valori molto italiani quali la convivialità e il piacere di stare insieme.
Campari, con il suo inconfondibile rosso e dal gusto intenso e unico, è da sempre un’icona dell’aperitivo e, grazie alla sua versatilità, è protagonista di alcuni dei cocktail più noti. Grazie a questo tema, Campari vuole guidare barman e barlady alla riscoperta e alla valorizzazione delle nostre radici territoriali, portando tipicità ed eccellenze locali nel mondo dei cocktail. I concorrenti saranno, infatti, chiamati a reinterpretare i classici cocktail Campari come Americano, Negroni, Campari Orange, Campari & seltz utilizzando i prodotti del proprio territorio di ispirazione come frutta, erbe aromatiche, bibite, liquori artigianali.

La corsa per conquistare il titolo di Campari Barman of The Year 2015 è entrata nel vivo.

Progetti di questa tipologia sono realizzati dal Gruppo Campari anche con l’obiettivo di valorizzare il ruolo del bartender quale naturale connessione tra il prodotto e il consumatore. L’azienda, infatti, si fa promotrice di una cultura del bere responsabile, partendo proprio dalla formazione di professionisti che possono favorire la vera degustazione dei prodotti e il bere di qualità. Campari Academy, protagonista del progetto, è un luogo centrale nel percorso di training e formazione che Campari offre a professionisti e non del settore.

www.camparibarmancompetition.it
https://www.facebook.com/#!/CampariItalia
www.campari.com
http://www.camparigroup.com/it/brands/aperitifs/campari

Gruppo Campari
Davide Campari-Milano S.p.A., con le sue controllate (‘Gruppo Campari’), è uno dei maggiori player a livello globale nel settore del beverage. E’ presente in oltre 190 paesi del mondo con posizioni di primo piano in Europa e nelle Americhe. Il Gruppo, fondato nel 1860, è il sesto per importanza nell’industria degli spirit di marca. Il portafoglio conta oltre 50 marchi e si estende dal core business degli spirit a wine e soft drink. I marchi riconosciuti a livello internazionale includono Aperol, Appleton Estate, Campari, Cinzano, SKYY e Wild Turkey. Con sede principale in Italia, a Sesto San Giovanni, Campari conta 16 impianti produttivi e 3 aziende vinicole in tutto il mondo, e una rete distributiva propria in 19 paesi. Il Gruppo impiega circa 4.000 persone. Le azioni della capogruppo Davide Campari-Milano S.p.A. (Reuters CPRI.MI – Bloomberg CPR IM) sono quotate al Mercato Telematico di Borsa Italiana dal 2001. 

Bevete responsabilmente.