Si è svolto l’esame del corso per la specializzazione di enotecnico. A settembre parte la 3 ^ edizione

 

Alla Fondazione Edmund Mach si è concluso l’esame del corso di specializzazione post-diploma per il conseguimento del titolo di enotecnico. Si tratta del percorso formativo che fino al 2015 si superava con esame di maturità dopo sei anni e che, a seguito della riforma della scuola, è diventato un corso post diploma della durata di un anno, rivolto ai diplomati che hanno conseguito la maturità tecnica agraria con articolazione viticoltura ed enologia. A settembre partirà la terza edizione. Per coloro che hanno superato il test di ingresso, l’iscrizione obbligatoria è entro il 14 luglio.

“Il gruppo di allievi che quest’anno ha ottenuto il titolo di enotecnico si è dimostrato sin dall’inizio del corso molto motivato ed interessato a questa particolare specializzazione -spiega il dirigente del Centro Istruzione e Formazione, Marco Dal Rì-. Mi preme anche sottolineare che due studenti hanno partecipato anche al campionato europeo delle scuole enologiche, in rappresentanza delle nostra scuola, classificandosi nelle prime posizioni”.

Questa, del 2017, è la seconda sfornata di enotecnici secondo il nuovo ordinamento. Ecco i loro nomi: Balboni Luca; Bergamini Marcello; Bonvicin Ivan; Centurioni Simone; Cerisara Isaia; Corradini Barbara; Dallona Nicholas; Fattorini Roberto; Ferrari Nicola; Franzoi Samuele; Gilli Giacomo; Giovannini Martin; Italiano Lorenzo; Nardelli Mirko; Nerozzi Filippo; Pedrotti Valentino; Ramoser Florian; Rossi Alessandro; Scrinzi Andrea; Zanoni Stefano. In merito agli altri corsi post diploma, la Fondazione Edmund Mach attiverà da gennaio il nuovo corso per tecnico delle bevande e la sesta edizione del corso per tecnico superiore verde. I due corsi rientrano nell’ambito dell’alta formazione professionale, di durata biennale con 3000 ore di formazione. C’è tempo fino ad ottobre per iscriversi ai test di valutazione.

San Michele all’Adige, mercoledì 5 luglio 2017