Galleria Campari

Galleria Campari festeggia quest’anno i 110 anni del suo edificio, la storica sede fondata a Sesto nel 1904, con un’operazione molto innovativa, dal nome Redvolution 2.0. Per sottolineare il forte legame con le sue radici e la natura artistica del marchio, Galleria Campari si fa promotrice di un progetto di riqualificazione territoriale a Sesto San Giovanni proprio in occasione di questo speciale compleanno. Protagonisti saranno 11 artisti contemporanei che esprimono l’arte su una tela speciale: i muri. Le loro opere sono ispirate a 11 artisti del passato che hanno caratterizzato la storia delle 11 decadi di riferimento, dal 1904 al 2014.
Parallelamente, presso Galleria Campari, è allestita la mostra “1904 – 2014 La Fabbrica del Campari 110 anni di innovazione e successo per migliorare la città”, che ha l’obiettivo di presentare gli elementi di innovazione dal punto di vista architettonico – costruttivo che hanno contraddistinto lo stabilimento Campari.

Accanto ai contenuti della mostra, che propone un percorso nel quale il visitatore può ripercorrere cronologicamente l’evoluzione del nucleo originale, è stato fornito agli artisti contemporanei un nuovo oggetto creativo, il muro all’angolo tra viale Fratelli Casiraghi e via Sacchetti, dove è stata messa a disposizione una “parete bianca” alta 4 metri e lunga 110 sulla quale imprimere la propria firma.

«Redvolution 2.0» è un progetto di riqualifica urbana nato con il fine di raccontare e valorizzare le origini e il futuro della città di Sesto San Giovanni e del marchio Campari attraverso la realizzazione di un murales di 110 metri lineari ad angolo tra Viale Fratelli Casiraghi e Via Sacchetti ad opera di 11 artisti italiani. Il risultato finale è un murales che ripercorre la storia dell’arte italiana attraverso i suoi protagonisti e i suoi eventi principali. Dai ruggenti anni ’20 dell’artista contemporanea Nais che ripropone Marcello Dudovich, al Futurismo di Depero interpretato dallo stencil artist Orticanoodles. Dall’Italia del dopoguerra tradotta in poesia da ivan, all’esplosione Pop degli anni sessanta con Bruno Munari riletto in chiave street art da PAO, fino alle atmosfere sognanti di Fellini, ritratto in iper-realismo da Neve, ai colori accesi di Milton Glaser e alla dinamicità di fine secolo portata su muro da TAWA, per concludere con la decade 2004-2014 rappresentata da Ugo Nespolo secondo la reinterpretazione dello street artist Geometric Bang.

Gli 11 artisti coinvolti, tutti tra i 22 e i 35 anni, hanno alle loro spalle partecipazioni a importanti mostre personali o collettive e lavorano da anni con il territorio milanese e di Sesto San Giovanni, declinando la propria arte anche su supporti urbani come muri, facciate e altri elementi cittadini. Il curatore, Jacopo Perfetti, ha selezionato gli artisti in base al loro stile e alla loro capacità di rappresentare la decade e l’artista di riferimento.

Gli Artisti Contemporanei coinvolti nel progetto:
Boris Veliz, Geometric Bang, Imen, Ivan, Nais, Neve, Orticanoodles, Pao, Seacreative, Tawa, TvBoy.
Gli Artisti Storici “reinterpretati”:
Leonetto Cappiello, Fortunato Depero, Marcello Dudovich, Federico Fellini, Carlo ‘Fisa’ Fisanotti, Milton Glaser, Bruno Munari, Nino Nanni, Ugo Nespolo, Cesare Tallone, Tarsem.

Mostra: RedVolution 2.0
Dove: Il muro all’angolo tra Viale Fratelli Casiraghi e Via Sacchetti a Sesto San Giovanni
A cura di Jacopo Perfetti.
Informazioni: redvolution.campari.com

Mostra: 1904-2014 La Fabbrica del Campari 110 anni di innovazione e successo per migliorare la città
Dove: Galleria Campari, via Gramsci 161, Sesto San Giovanni

GALLERIA CAMPARI

• Galleria Campari è stata inaugurata il 18 marzo 2010 in occasione del 150mo anniversario del marchio.
• La Galleria Campari sorge negli spazi della palazzina liberty risalente al 1904, in via Gramsci a Sesto San Giovanni. L’edificio, allora nato quale primo stabilimento di produzione industriale a opera di Davide Campari, figlio del fondatore Gaspare, è stato ristrutturato dall’architetto Mario Botta che, con grande capacità compositiva, lo ha inserito nel contesto del nuovo edificio di indiscusso valore architettonico e urbanistico, che ospita dall’aprile 2009 l’Headquarters del Gruppo Campari.
• Il primo piano della Galleria si divide in tre grandi aree tematiche dedicate a comunicazione, arte e produzione. E’ possibile trovare una selezione delle campagne pubblicitarie Campari, tra cui il celebre spot di Federico Fellini, i caroselli dal 1954 fino al 1977 e le immagini animate dei Calendari Campari dal 2000 al 2012. In più, una serie di opere originali su carta esposte nella parte centrale della Galleria. Tra gli autori di maggior interesse: Marcello Dudovich, Leonetto Cappiello, Marcello Nizzoli, Primo Sinopico, Ugo Mochi e Ugo Nespolo… Il secondo piano della Galleria porta il visitatore in uno spazio dedicato alla storia del prodotto e che si articola in una serie di stanze delle meraviglie dalle quali uscirà stupito e divertito. La narrazione si sviluppa lungo 5 stanze dove il visitatore si perde nel tempo e nello spazio del mondo Campari.
• Galleria Campari è aperta al pubblico nel pomeriggio delle giornate di martedì, giovedì, venerdì e il primo sabato di ogni mese dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.30. A disposizione degli ospiti anche un Gift&Book Shop nel quale si possono acquistare immagini artistiche e memorabilia Campari. Ulteriori informazioni su orari e prenotazione visite guidate sono disponibili sul sito www.campari.com .

Gruppo Campari
Davide Campari-Milano S.p.A., con le sue controllate (‘Gruppo Campari’), è uno dei maggiori player a livello globale nel settore del beverage. E’ presente in oltre 190 paesi del mondo con posizioni di primo piano in Europa e nelle Americhe. Il Gruppo, fondato nel 1860, è il sesto per importanza nell’industria degli spirit di marca. Il portafoglio conta oltre 50 marchi e si estende dal core business degli spirit a wine e soft drink. I marchi riconosciuti a livello internazionale includono Aperol, Appleton, Campari, Cinzano, SKYY e Wild Turkey. Con sede principale in Italia, a Sesto San Giovanni, Campari conta16 impianti produttivi e 3 wineries in tutto il mondo, e una rete distributiva diretta in 19 paesi. Il Gruppo impiega oltre 4.000 persone. Le azioni della capogruppo Davide Campari-Milano S.p.A. (Reuters CPRI.MI – Bloomberg CPR IM) sono quotate al Mercato Telematico di Borsa Italiana dal 2001. Per maggiori informazioni:

Bevete responsabilmente.