Il Prosecco sbarca a Washington e conquista il Pentagono.

E’  Armando Varricchio, dal 2016 Ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti di stanza a Washington D.C., a ricevere ieri sera la delegazione della quale fanno parte Stefano Zanette e Luca Giavi, rispettivamente Presidente e Direttore Generale del Consorzio di tutela del Prosecco Doc, attualmente una delle denominazioni più importanti del mondo.

Il ricevimento, a dir poco esclusivo, è stato organizzato nella sede dell’Ambasciata Italiana nell’ambito delle celebrazioni del centesimo anniversario dell’entrata degli Stati Uniti nella Grande Guerra. “War&Art, Destrction and protection of Italian Cultural Heritage during World War I” è il titolo della mostra fotografica inaugurata ieri al Pentagono, con il supporto del Consorzio Prosecco Doc,  imperniata sull’attività di tutela delle nostre opere d’arte svolta dalle Forze Armate Italiane e Americane durante il primo conflitto mondiale.

Le fotografie che compongono la mostra provengono da diversi musei e archivi italiani e americani e resteranno esposte al Pentagono per un anno.

 

Rappresenta un grande onore per noi essere qui oggi, in quest’occasione di grande importanza storica, artistica, e culturale – dichiara Stefano Zanette raggiunto telefonicamente a Washington – nella capitale di un paese che esprime la propria affezione per l’Italia con i fatti. Come nel turismo, dove il trend dagli Stati Uniti verso il nostro Paese è in continua crescita, e anche per quanto concerne i consumi: esso rappresenta il nostro secondo mercato, dietro solo al Regno Unito, ma l’ americano dimostra di saper apprezzare la qualità con la disponibilità a riconoscere al nostro Prosecco il giusto valore economico”.

Neanche a dirlo, il brindisi ieri sera si è fatto con le bollicine di Prosecco Doc.

In questo caso la proposta del Consorzio è andata sulle produzioni di:  Barollo; Fantinel; LaMarca; Masottina; Villa degli Olmi.

Treviso, 13 ottobre 2017