Sono state annunciate le dieci polibibite (cocktail) selezionate per la finale dell’edizione 2017 della competizione Miscelatore Futurista Record Nazionale

 

La competizione – promossa da Giulio Cocchi in collaborazione con altre case storiche della liquoristica italiana come Alpestre, Campari, Fabbri, Luxardo, Nardini, Pallini, Strega, Tassoni e Vecchia Romagna – proponeva quest’anno la sfida di ideare la polibibita che rappresentasse il futuro della miscelazione futurista, l’applicazione ai giorni nostri dei canoni della miscelazione futurista. Di altissimo profilo tutte le ricette inviate al concorso, con evidente ricerca storica, qualitativa e creativa. Sono stati molti i barman e le barlady, miscelatori e miscelatrici tra i 18 e i 37 anni, che da ogni parte d’Italia hanno proposto formule originali e colorate, pronte a innovare il mondo della miscelazione italiana.

Alla finale prenderanno parte: con la polibibita Rinascita serenissima Carlo Barison La Duchessa di Spinea; con la polibibita SelosapesseMarinetti Luca Del Prete del Fabric di Portici; con la polibibita Col’azione Valerio Dussich del Caffé Vittorio Emanuele di Bologna; con la polibibita La sfacciata Elisa Favaron del Palazzo delle Misture di Bassano del Grappa; con la polibibita Mamma ho steso il bucato Marco Fedele del Duke’s di Roma; con la polibibita Infodieta Nicola Mancinone de Il Confessionale Mix Bar di Asti; con la polibibita Il volo sul Verbano Luca Menegazzo dell’Estremadura Café di Verbania; con la polibibita Ferie di fretta Alessandro Tenconi del Punch di Lora; con la polibibita Tuttoilcontrario Valerio Trentani del Mandarin Oriental

La finale della competizione – una festa in autentico stile futurista che si svolgerà a Torino il 26 giugno, su invito, tra intrattenimenti a tema e placafame (stuzzichini) – decreterà la polibibita vincitrice e il nome del miscelatore a cui sarà affidato il compito di portare il verbo futurista a Londra, nel Quisibeve (bar) futurista allestito in occasione della London Cocktail Week.

Nel 2016 il titolo di Miscelatore Record Nazionale era andato alla barlady Cinzia Ferro (Estremadura Café di Verbania) che aveva avuto la meglio sugli altri miscelatori grazie alla polibibita Svetta. L’iniziativa della competizione prosegue idealmente il progetto iniziato tre anni fa con la pubblicazione del volume “La Miscelazione Futurista. Polibibite: la risposta autarchica italiana ai cocktail degli anni Trenta” (Fulvio Piccinino, edizioni CocchiBooks) inserito tra i 10 migliori libri di miscelazione al mondo al Tales of the Cocktail e ristampato in un’edizione arricchita lo scorso anno. Alla pubblicazione del volume si è affiancata un’intensa attività di seminari ed eventi a tema sulla miscelazione futurista, a partire dall’autunno 2014, in Italia e all’estero.

5 Giugno 2017