VINO: AL VIA WINE2WINE. MANTOVANI (DG VERONAFIERE): SUPERARE FRAMMENTAZIONE E DISPERSIONE
ZONIN (PRES UIV): SE NON CAMBIANO REGOLE PERDEREMO ALTRI 6MILA ETTARI DI VIGNETO L’ANNO
BOSCAINI (PRES FEDERVINI): EXPO2015, IL VINO ITALIANO DEVE PRESENTARSI UNITO

WINE2WINE Verona, 3 dicembre 2014 – «La svolta per il futuro del settore vino italiano si chiama coopetition. Cooperazione e competizione, infatti, sono oggi le chiavi strategiche per superare i due punti critici del nostro sistema produttivo e di promozione: frammentazione e dispersione». A dirlo Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere, in apertura di wine2wine (Veronafiere, 3-4 dicembre), il primo business forum sul vino nato dal know how di Vinitaly, che pone al centro della due giorni di lavoro dedicata agli operatori, l’informazione, il business e il networking.

Un settore, quello del vino, tra i più dinamici dell’economia italiana che accanto ai dati record dell’export (il 2014 si chiuderà con oltre 5 miliardi di euro) non nasconde le ombre derivanti anche dalla legislazione europea sui diritti di impianto che, dal 2016, saranno modificati con il sistema delle autorizzazioni.

«Negli ultimi 10 anni l’Italia ha perso 10mila ettari di vigneto all’anno – ha detto Domenico Zonin, presidente di Unione Italiana Vini –. E le prospettive derivanti dalla nuova regolamentazione che entrerà in vigore nel 2016, se non sarà cambiata in chiave più flessibile, ci proiettano verso una ulteriore perdita stimata in 6000ha/anno. In questa situazione – ha concluso Zonin – l’esportazione, Ue e soprattutto extra Ue, diventa una strada obbligata per la tenuta delle aziende italiane del vino».

Tra le priorità del settore anche quella di ‘fare squadra’ sui mercati internazionali. Una sfida che per il presidente di Federvini, Sandro Boscaini, «non possiamo perdere soprattutto in vista dell’Expo 2015, dove l’Italia vitivinicola, se non vuole perdere la faccia, deve presentarsi unita».

All’apertura di wine2wine hanno partecipato anche Stevie Kim e Ian D’agata, di Vinitaly International.