Medaglia d’Oro alla Malvasia 2016 dell’azienda agricola Tiare di Dolegna del Collio, in Friuli

L’hanno assegnata il 10 maggio i giudici del Concorso “Vinistra – Mondo delle Malvasie 2017” a Porec, in Slovenia, confermando il lusinghiero giudizio dello scorso anno, quando la Malvasia di Roberto Snidarcig si era già aggiudicata la Medaglia d’Oro. In lizza erano presenti Malvasie provenienti da Croazia, Italia, Slovenia, Grecia e Spagna. Vinistra è la principale mostra internazionale del vino dell’Istria, dove si svolge da 23 anni. Ha richiamato anche quest’anno migliaia di addetti al lavoro e appassionati.

Prodotta da uve raccolte a mano, nella terza decade di settembre, nei vigneti aziendali di Dolegna (fra le più pregiate aree vinicole del Collio), la Malvasia DOC 2016 di Tiare è stata vinificata, dopo una breve macerazione, con pressatura controllata in vasca di acciaio inox e lasciata decantare e fermentare per il 30% in botti di rovere e 70% in acciaio. Un vino dal carattere preciso, ricco, morbido, sapido e con una ottima persistenza in bocca, con i caratteristici profumi di agrume e spezie intensi che connotano la Malvasia, vitigno antichissimo, coltivata in Friuli fin dal 1300. Si sposa perfettamente al pesce, anche crudo, ai crostacei, a risotti e paste estivi ed è ottima anche come aperitivo.

L’azienda Tiare si estende su circa 10 ettari vitati e abbraccia due delle zone Doc più interessanti del Friuli Venezia Giulia, il Collio e l’Isonzo. Roberto Snidarcig interpreta il terroir di queste due Doc (il Collio, per il suo terreno marnoso e il microclima straordinariamente vocato alla produzione di Bianchi e l’Isonzo, le cui ghiaie sono habitat ideale per i Rossi) per produrre vini di spiccata personalità, al cui carattere concorrono da una parte la felice esposizione e la particolare composizione geologica dei terreni dove ha impiantato le viti e dall’altra la passione, la cura e la metodologia del suo lavoro, sia in vigna che in cantina. La produzione di circa 100.000 bottiglie annue di media. La gamma dei vini spazia dagli autoctoni agli internazionali. I Bianchi Sauvignon (45% della produzione), Malvasia, Pinot Grigio, Ribolla Gialla, Friulano, Chardonnay, Il Tiare. I Rossi Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon e Schioppettino. Conclude la gamma una piacevole bollicina, Bolle, blend di Ribolla Gialla (70%), Malvasia (25%) e Sauvignon (5%).