La miglior polibibita sarà scelta a Torino il 4 luglio il vincitore volerà al Tales of the Cocktail di New Orleans

Trovare il Miscelatore Futurista più creativo, l’ardimentoso inventore della miglior polibibita in grado di valorizzare l’italico stile di miscelazione attraverso i prodotti Cocchi e quelli della liquoristica storica italiana: questo l’obiettivo della competizione Cocchi per l’elezione del Miscelatore Futurista Record Nazionale 2016.

Il concorso è un’iniziativa della casa astigiana, nota in Italia e all’estero per i suoi vini aromatizzati, che prosegue idealmente il progetto iniziato due anni fa con la pubblicazione del libro “La Miscelazione Futurista. Polibibite: la risposta autarchica italiana ai cocktail degli anni Trenta” a cura di Fulvio Piccinino.

Miscelatore-Record-Nazionale_immagine-360x529

Il Miscelatore Futurista, attenendosi strettamente a un apposito NeoManifesto stilato da Piccinino, dovrà creare con prodotti italiani – distillati e liquori – la polibibita vincente che lo condurrà a New Orleans per far parte del manipolo che porterà il Futurismo nuovamente oltreoceano, dopo i successi degli anni scorsi, al Tales of the Cocktail 2016.

Partecipazione

– Per partecipare i candidati dovranno inviare all’indirizzo  i dati personali, il nome del Quisibeve (bar) all’interno del quale si cimentano nella miscelazione e la formula originale della polibibita, specificandone la composizione e la preparazione. Sono graditi fotografia della polibibita e video della realizzazione, a corredo della domanda di partecipazione. Il regolamento completo si può consultare a questo link Le iscrizioni si aprono il 22 aprile e si chiudono l’8 giugno 2016.

I nomi dei finalisti saranno annunciati in occasione di Baritalia Hub al Palazzo del Ghiaccio di Milano il 13 giugno. Solo le migliori 10 polibibite infatti saranno ammesse alla finale che si terrà il 4 luglio a Torino: una commissione di addetti ai lavori sceglierà tra i finalisti il Miscelatore Record Nazionale che riceverà la corona e i biglietti per volare a New Orleans.

Aprile 2016