Con uno stand nello spazio della regione piemonte e si presentano tre nuovi soci

L’Istituto del Vermouth di Torino, l’associazione di produttori che raccoglie la grande maggioranza della produzione di questa storica denominazione, compie un anno e si presenta alla cinquantaduesima edizione di Vinitaly a Verona con un grande lavoro istituzionale e di eventi organizzati sia in Italia sia all’estero all’attivo. Ancora più grande il compito che l’Istituto ha davanti: il recupero della memoria collettiva di un prodotto così familiare per secoli in Italia e nel mondo, la riaffermazione delle radici culturali piemontesi – dalla casa Savoia ai Vermouth delle case storiche e dei nuovi produttori -, la rinascita e il rilancio di prodotti rinnovati da grandi e piccoli marchi, uniti per questo riconosciuto “Made in Italy”.

Allo stand dell’Istituto presso la Regione Piemonte nel Padiglione 10 saranno in degustazione circa 50 etichette nelle diverse tipologie, con l’inclusione di tre nuovi soci con i marchi Calissano di Alba, Casa Martelletti di Asti e Peliti’s di Torino che si aggiungono a Berto, Bordiga, Carlo Alberto, Carpano, Chazalettes, Cinzano, Giulio Cocchi, Del Professore, Drapò, Gancia, La Canellese, Martini & Rossi, Giovanni Sperone, Tosti e Vergnano.

“Nel secondo anno di vita – dice il presidente Roberto Bava – l’obiettivo sarà l’istituzione dei controlli qualitativi dell’Indicazione Geografica con tutti gli organi preposti che faranno del Vermouth di Torino un nome garantito e di riferimento per qualsiasi altra produzione nazionale o internazionale e per il consumatore un fondamento di certificazione e di qualità. L’Istituto poi continuerà a proporre e partecipare a eventi, seminari e fiere: già confermata la presenza a Vinum ad Alba e al Bar Convent Berlin con un proprio stand”.

Lunedì 16 aprile alle 16 nello lo Spazio Eventi della Regione Piemonte sarà presentato “Il Grande Libro del Vermouth di Torino” appena pubblicato, a cura degli storici del vino Giusi Mainardi e Pierstefano Berta (socio onorario dell’Istituto), per Edizioni OICCE di Canelli per diffondere le conoscenze di questo storico prodotto piemontese.

14 aprile 2018