A Novembre “International Wine Traders”, l’appuntamento per il wine business per valorizzare il vino italiano all’estero, farà tappa a Berlino, città cardine per il commercio del vino nel mercato tedesco

Per il secondo anno consecutivo il wine workshop “International Wine Traders”, l’appuntamento per il wine business per valorizzare il vino italiano all’estero, farà sosta in Germania a Berlino, città cardine per il commercio del vino nel mercato tedesco.

IWT Ginevra 2

Berlino, infatti, rappresenta da sempre uno dei più importanti sbocchi di destinazione per l’export vitivinicolo italiano: circa il 20% delle vendite all’estero di vini made in Italy si indirizza proprio verso questo mercato. Un mercato dove il consumo pro-capite ha raggiunto 25,5 L/anno, per un totale di 20,4 milioni di ettolitri di vino.

Il wine workshop di Berlino sarà l’ultima tappa del tour 2015 per la promozione del vino italiano all’estero promossa da Iron3, azienda specializzata in organizzazione di eventi, gestione di business contacts, realizzazione incontri B2B tra aziende vinicole e buyer esteri.

Il 9 novembre, nelle prestigiose sale dell’Hotel Adlon Kempinski, le selezionate aziende partecipanti avranno la possibilità di presentare i loro vini agli operatori tedeschi selezionati: importatori, ho.re.ca, distributori e stampa.
Come per tutti gli eventi organizzati da Iron3, anche a Berlino verranno coinvolti gli opinion leaders, le autorità locali, le istituzioni italiane presenti sul territorio e i winelover d’altro profilo.

“International Wine Traders” è il format di evento internazionale interamente pensato e dedicato al mondo del vino ideato e organizzato da Iron3.
Il cuore del progetto è centrato sull’incontro tra produttori e buyer nazionali ed internazionali attraverso workshop e agende di incontri personalizzate.
La creazione di nuove relazioni commerciali in un contesto esclusivo permette di focalizzarsi anche sulle relazioni umane, base di ogni business.
permettendo alle aziende interessate di mettersi direttamente in contatto con un mercato, quello tedesco, in continua crescita e sviluppo.

IWT Copenaghen 2015

Benché nel 2014 ci sia stato un lieve calo, la Germania si colloca tra i primi mercati mondiali per il vino con 15,1 milioni di ettolitri e un valore complessivo di 2,5 milioni di euro (dati Winemonitor). In questo scenario l’Italia si conferma il principale importatore per questo Paese che continua a essere il secondo mercato di sbocco – dopo gli Stati Uniti – per il prodotto vitivinicolo made in Italy.
Esportare vino in Germania è, per molte aziende italiane, fondamentale; un mercato enorme come quello tedesco, che non ha quasi per nulla risentito della crisi economica, non deve però essere affrontato con leggerezza ma con strategia.

“La tendenza registrata da parte dei consumatori tedeschi è quella di un’attenzione sempre maggiore alla qualità del vino rispetto alla quantità” – spiega Giacomo Acciai, titolare di Iron3 – “In questo senso diventano ancora più importanti le azioni sul territorio, come i nostri workshop “International Wine Traders”, per formare e informare gli addetti in merito alla qualità indiscussa del prodotto italiano”.

Prima di Berlino, il tour di “International Wine Traders” farà tappa in Polonia, a Varsavia (22 Ottobre), a Peschiera del Garda (26 e 27 Ottobre) per la due giorni di incontri con agende programmate, e in Norvegia, ad Oslo (2 Novembre).

Iron3, nasce nel 2005, dalla volontà di mettere a frutto l’esperienza e il know-how maturati a livello internazionale nei campi della comunicazione, del marketing e dell’organizzazione fieristica. Da dieci anni Iron3 è protagonista sui mercati nazionali ed internazionali nella pro-mozione del vino italiano. Con sede ad Arezzo, dal 2011 Iron3 ha costituito la sua filiale negli USA, con base a San Anselmo (California).