Il territorio come progetto per la salute del futuro nel convegno organizzato da MontalcinoBIO il 21 e 22 Ottobre 2016

Coltiviamo la salute, a Montalcino” è l’iniziativa degli agricoltori promotori di “MontalcinoBIO” con il sostegno della comunità di Montalcino e di professionisti che condividono la visione di futura valorizzazione del territorio, si impegnano ad offrire un contributo concreto alla crescita della qualità di Montalcino, e sono convinti che proprio da Montalcino possano partire dei segnali significativi per il futuro della terra.

Il Convegno è patrocinato dal Comune di Montalcino. Il Sindaco Silvio Franceschelli afferma che “Montalcino BIO è un comitato che intende promuovere la realizzazione del distretto Biologico a Montalcino, quale progetto economico volto a valorizzare tutti i prodotti del territorio, da quelli agricoli fino ai servizi turistici”.

convegno-coltiviamo-la-salute-a-montalcino-21-22-ottobreMontalcino è una zona di rara bellezza, con paesaggi maestosi di rinomanza mondiale, nota per il Brunello e per la sua ricchezza in termini di biodiversità. Ogni frazione infatti – Torrenieri, Sant’Angelo, Camigliano, Tavernelle, Castelnuovo dell’Abate – racconta una sua storia Tutto ciò significa benessere per i residenti e un’offerta ricca per un visitatore curioso, intelligente ed evoluto.

Il Convegno, che si terrà il 21 e 22 ottobre al Teatro degli Astrusi a Montalcino e fa parte di un percorso di attività per promuovere l’eccellenza del territorio, sarà aperto dall’On. Ilaria

Borletti – Sottosegretario ai Beni Culturali – nota per la sua sensibilità al paesaggio, alla bellezza e alla salvaguardia del patrimonio del nostro Paese.
Interverrà poi l’On. Sani – Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei deputati – che illustrerà come l’Agricoltura sostenibile sia al centro dell’agenda economica e politica nazionale.

Il Convegno multidisciplinare si articola in tre workshop dedicati ai temi di Agricoltura, Scienza ed Economia, grazie alla partecipazione di importanti Professori delle Università di Firenze, Ferrara e Ca Foscari.

La ricerca sui grani antichi, e i risultati messi in pratica da alcuni artigiani (panificatori e pastai), sono i protagonisti del primo workshop sull’agricoltura. (Si potranno anche assaggiare questi prodotti per scoprirne le qualità).

La diversità tra mangiare e nutrirsi, uno sguardo alle diete più diffuse, l’equilibrio indispensabile con altri fattori (ambiente) sono i temi del secondo workshop (La scienza), che conclude il primo pomeriggio (venerdì 21 ottobre).

La mattina del 22 Ottobre sempre al Teatro degli Astrusi avrà luogo una riflessione sui temi della BIOeconomy per avvicinare il turismo alla terra in maniera meno veloce, più “degustata”, nella terra del Brunello.

Montalcino Bio”, è nato il 23 Novembre 2015. L’atto di costituzione del Comitato è stato sottoscritto da oltre 45 persone di cui rappresentanti di aziende vitivinicole, stabilmente presenti sul territorio del Comune di Montalcino, attività commerciali, professionisti e privati cittadini. L’obiettivo dei promotori è la realizzazione del “Distretto Bio/Naturale”, intendendosi, per tale, l’area geografica corrispondente al territorio del Comune di Montalcino dove agricoltori, allevatori, cittadini, operatori turistici, associazioni e pubbliche amministrazioni, in accordo tra loro, gestiranno, in maniera sostenibile, le risorse locali, partendo dal modello biologico di produzione e consumo per arrivare alla promozione dei prodotti biologici, al fine del raggiungimento del pieno sviluppo delle potenzialità economiche, sociali e culturali di detto territorio”. In nome di un sistema ecosostenibile.

Montalcino, ottobre 2016