L’azienda gioiello della costa D’Argento parteciperà alla kermesse insieme a una selezione di cantine della zona

 

Al via la quarta edizione dell’appuntamento dedicato alle eccellenze vinicole del territorio di Capalbio, un angolo della toscana in cui la vocazione vitivinicola sta acquisendo sempre maggior rilievo. CapalbioèVino prenderà il via sabato 18 Giugno: in quell’occasione saranno presenti una decina di cantine – associate a all’omonima organizzazione che promuove il territorio vinicolo capalbiese e di cui anche Monteverro fa parte –, con storie e realtà differenti ma accomunate dalla produzione di vini dotati di grande personalità e con un forte legame con il territorio.

untitledCome Monteverro che prende vita all’inizio degli anni 2000 e vanta oggi sei diverse etichette di grande pregio: Monteverro, Tinata, Chardonnay, Terra di Monteverro, Verruzzo e Vermentino di Monteverro, –. Vini unici, raffinati ed eleganti, specchio fedele delle dolci colline toscane che ne ospitano i vigneti.

Il borgo medioevale, all’estremità meridionale della Maremma, si animerà dunque nel weekend con l’obiettivo di far conoscere a un pubblico eterogeneo di semplici wine lovers di diverse nazionalità, turisti curiosi ma anche esperti del settore la vitalità enologica del territorio. Dalle 18.30 alle 23.00, in piazza Magenta si alterneranno degustazioni – di vino ma non solo (anche salumi, formaggi, conserve, olio e miele, tutti rigorosamente made in Capalbio) – e performance musicali. Sarà anche l’occasione per confrontarsi – in un clima disteso e informale – direttamente con i produttori.

untitled 1

Contemporaneamente prenderà il via anche “Arte & Vino”, un itinerario artistico che si snoda tra le cantine di Capalbioèvino. Per l’occasione Monteverro ospiterà un’opera di Matteo Nasini , un’installazione di insegne luminose dal titolo Gran bazar sciarada, tipico esempio di riuso, un’opera interamente realizzata a partire da insegne luminose che l’artista ha recuperato, ricercando materiali da scomporre e ricomporre. La notte – grazie a dei led e a un sistema da lui creato – le diverse insegne si accendono in tempi diversi per creare nuove parole oltre a quelle che di possono leggere ad opera spenta.

La manifestazione ha il patrocinio del Comune di Capalbio e la collaborazione di Strada del Vino e dei Sapori Colli di Maremma, Associazione Culturale Il Frantoio, la Scuola Europea Sommelier e il sostegno della Banca di Saturnia e della Costa d’Argento.

Per maggiori informazioni su Monteverro o su Capalbioèvino

 

18 Giugno 2016