Per citarne alcune: San Luigi a Dogliani, il Cannubi, uno dei vigneti più ambiti proprio nel così detto “cuore” del distretto dedicato al Barolo, e la recente acquisizione a Dardi – Bussia nella stessa area.

Poderi Luigi Einaudi partecipa a Grandi Langhe, l’appuntamento giunto alla terza edizione, dedicato alla valorizzazione dei cru dei differenti territori di origine. Un obiettivo perseguito anche da Matteo Sardagna Einaudi, quarta generazione dell’azienda, che sta proseguendo nel progetto di acquisizione delle migliori posizioni in Barolo. Le uve Einaudi provengono infatti tutte da vigneti acquisiti nei Cru storici della Langa. Le 11 cascine di cui si compone l’azienda si trovano nelle zone storicamente riconosciute come le migliori per esposizione, posizione e qualità dei terreni.

Durante la kermesse enoica i professionisti avranno perciò l’opportunità di degustare i vini di Poderi Luigi Einaudi a partire da domenica 2 aprile in cui verrà presentato il Barolo con i cru storici Cannubi e Terlo Vigna Costa Grimaldi 2013 in degustazione dalle ore 10.00 alle ore 18.00 presso il Castello di Barolo. I due vini presentati esprimono la volontà di Matteo Sardagna Einaudi di vinificare Nebbioli che ambiscano nel tempo a divenire vini di altissimo livello, massima espressione delle singole sottozone, con caratteristiche e sfumature distintive di ogni singolo terroir.

A seguire il 4 aprile l’azienda farà degustare il Dogliani Superiore Vigna Tecc 2015 presso Moda Venue a Monforte d’Alba dalle ore 10.00 alle ore 18.00. Questo vino è rappresentativo della crescita avuta negli anni rispetto alla complessità e ricchezza negli aromi, dimostrata dalla notevole tenuta nel tempo.

La giornata di martedì si chiude con l’Evento Dogliani che si terrà presso la sede storica dei Poderi con un incontro tutto dedicato a questo vitigno storico. Alle ore 19.30 verrà proiettato il film di Massimo Zanichelli “Dogliani: un’anima nel vino”, il testimone di eccellenza nel film è Ludovico Einaudi, che racconta con le parole e la musica, il suo legame con il paese e le colline che lo circondano. Il regista sarà presente alla proiezione. La serata terminerà con la Cena di Gala. Per maggiori informazioni consultare il sito.

L’azienda è oggi una realtà che, fin dalla sua fondazione, appartiene alla stessa famiglia e che si compone di più di 150 ettari di cui 56 vitati, producendo vini di alta gamma premiati sia in Italia sia all’estero. Da anni, le produzioni Einaudi sono inserite nelle più autorevoli guide italiane di settore e sono state incluse anche nella Top 100 di Class Life. Inoltre, non solo l’americano Wine Spectator e il tedesco Wine.Pur, ma anche testate asiatiche e cinesi hanno dato lustro ai vini Einaudi.