Profondo, dal carattere fruttato e dai profumi intensi è ottimo per accompagnare la prossima estate all’insegna del gusto e dell’eccellenza italiana

Tenuta di Arceno, azienda vitivinicola toscana nel cuore del Chianti Classico, parte di Jackson Family Wines Collection, di proprietà della Famiglia Jakson dal 1994, propone per l’estate 2017 Chianti Classico Docg 2015, un vino profondo e intenso ideale per le pause estive dedicate al gusto. Il Chianti Classico Docg di Tenuta di Arceno offre un livello di profondità, forza e concentrazione raro per la sua classificazione. È prodotto prevalentemente da uve Sangiovese (85% Sangiovese e 15% Merlot) provenienti da vigneti situati nelle zone più fresche della tenuta, che trasmettono al vino un’acidità vivace e un carattere fruttato.

Al naso si percepiscono note floreali di violette e gelsomino con accenni di salvia e sottobosco. Il palato è morbido e accattivante con aromi di lamponi, prugne mature e leggere note di liquirizia nera. Il lungo finale inizia con cioccolato e lentamente evolve in scorza di arancia candita. Ideale in abbinamento a un tagliere di affettati misti o a del buon prosciutto, che si sposa perfettamente con il classico melone o l’esotico pepino. Ottimo in abbinamento a spaghetti conditi con pomodori e basilico o a una rinfrescante panzanella.

La vendemmia 2015 ha un grande potenziale: l’inverno è stato freddo e umido garantendo il giusto riposo per le viti e una riserva di acqua sufficiente per i fabbisogni idrici della vigna durante la successiva calda estate. Un luglio e agosto molto caldi con temperature più alte del solito, hanno determinato grappoli più piccoli con una maggiore concentrazione. Il periodo della vendemmia è stato per lo più regolare, senza avvenimenti avversi e i frutti sono stati raccolti a maturazione ottimale. I vini del 2015 sono morbidi e fruttati, generalmente con un’acidità minore ma equilibrati, ed una struttura tannica matura. Ottimi da bere subito ma miglioreranno con gli anni, la 2015 è considerata una delle migliori vendemmie degli ultimi anni. Il prezzo di vendita al pubblico è di 14€.

“Con una cura estrema dei nostri vigneti, ascoltando il messaggio della terra, a Tenuta di Arceno non facciamo altro che rispettare le espressioni dell’uva per avere vini che riflettano a pieno le caratteristiche uniche della nostra proprietà.”

TENUTA DI ARCENO E ARCANUM Nel cuore della Toscana, sulle colline del Chianti Classico, sede di antichi insediamenti etruschi, si trova Tenuta di Arceno. Con esattezza, all’interno del comune di Castelnuovo Berardenga, in provincia di Siena, a sud-est nel Chianti Classico al confine con l’antico borgo medievale di San Gusmé La Tenuta fa parte di Jackson Family Wines Collection, di proprietà della Famiglia Jakson, dal 1994, anno in cui Jess Jackson l’acquistò. La tenuta si estende per oltre 1.000 ettari, di cui 90 di vigneti e 50 di uliveto, ad altitudini variabili tra i 300 e i 500 metri sul livello del mare, e presenta 10 diversi microclimi, vantando così una grande diversità di suoli, la cui composizione è costituita da roccia, sabbia, argilla, arenaria, basalto e scisto. La filosofia vitivinicola dell’azienda è quella di valorizzare sia le uve del vitigno autoctono del Sangiovese, che è il vitigno primario per numero ettari vitati, sia le varietà bordolesi. Alla base di ogni scelta e in linea con il percorso di ricerca della tipicità e della qualità, si trova la filosofia del micro-cru, secondo cui ciascun vigneto è suddiviso in particelle più piccole a seconda del tipo di suolo. La Tenuta comprende due realtà diverse ma complementari, con specifiche caratteristiche vitivinicole: Tenuta di Arceno e Arcanum. Tenuta di Arceno produce tre vini DOCG massima espressione del Sangiovese, in grado di trasmettere potenza, struttura, eleganza e un inconfondibile sense of place: Chianti Classico, Chianti Classico Riserva, e Chianti Classico Riserva Strada Al Sasso, che con la vendemmia 2015 diventa Gran Selezione. L’enologo è Lawrence Cronin. Arcanum produce tre vini IGT Toscana, cosiddetti Supertuscan, di prestigio inuguagliabile: Arcanum, Valadorna, e il Fauno di Arcanum. Decisamente improntati dal famoso vigneron Pierre Seillan, sono tagli bordolesi che nascono nel vigneto.

Castelnuovo Berardenga, giugno 2017