“Il vino italiano è un parco giochi per i winelover di tutto il mondo”, ma “è un cavallo di razza che abbiamo tenuto troppo tempo ai box”.

È la sintesi del faccia a faccia tra Jancis Robinson winecritic, scrittrice e giornalista Financial Times, e la Ceo di Business Strategies, Silvana Ballotta, oggi al Wine2wine di Veronafiere. “Non ho ricordi – ha aggiunto Jancis Robinson –che la qualità del vino italiano sia mai stata più alta di adesso: è la congiuntura perfetta per poter sfruttare appieno i cambiamenti sullo scenario globale. Tutto ciò che l’Italia deve fare è dimenticarsi della Francia. Mentre i cugini d’Oltralpe attraversano una crisi di fiducia che precede i tragici fatti di Parigi, l’Italia deve trovare il coraggio di affermare la propria identità”.

Business_Strategies_w2wUn’identità ancora giovane, come ha commentato Silvana Ballotta: “Il vino ha assunto solo recentemente la consapevolezza di non essere solo un prodotto agricolo e per questo è importante lavorare sulla promozione come ha fatto il settore della moda. Dobbiamo essere pronti a rischiare di più, anche alzando un po’ i prezzi. La comunicazione – ha proseguito la Ceo della società fiorentina che cura l’internazionalizzazione di oltre 400 aziende italiane – è fondamentale in questo processo, e il piano straordinario del viceministro Calenda è sicuramente una buona notizia, perché porterà una bella iniezione di fondi per la promozione.

Ma non è solo una questione di denaro, è altrettanto importante spenderlo bene”. E sui mercati Far East, ha concluso Ballotta: “In Cina è ‘il piccolo passo che fa la lunga strada’. Bisogna sapersi e potersi muovere, mettere in campo una promozione che miri all’educazione del consumatore cinese. E in questo contesto il binomio con la gastronomia non può rappresentare un vincolo. Il vino deve potersi integrare e sperimentare con la cucina cinese, senza essere ghettizzato con quella italiana”. Infine, secondo Jancis Robinson, sono i vini italiani i veri candidati a riempire il vuoto lasciato dai grandi francesi: “Il Bordeaux in passato era il simbolo del vino pregiato, ora non è più di moda. Nel settore lusso i vini italiani possono colmare questa lacuna”.

Verona, 3 dicembre 2015