Zibibbo e dolci di mandorle, domani KY vendemmia Tardiva Fazio e i dolcini di Maria Grammatico in degustazione al vinitaly

Zibibbo e dolci di mandorle, simboli della Sicilia, insieme per una degustazione unica alla cinquantesima edizione del Vinitaly di Verona. A organizzarla è la Casa vinicola Fazio e l’appuntamento è per domenica dalle 14 alle 16 allo Stand 81 del Padiglione Sicilia (corridoio F).

In degustazione ci sarà il Ky Zibibbo Vendemmia tardiva Erice Doc, uno dei vini di punta dell’azienda, espressione della produzione dello straordinario territorio dell’Erice Doc, con i suoi vigneti che sorgono lungo il crinale che dal monte Erice arriva fino al parco archeologico di Segesta, nel quadrante nord occidentale della Sicilia. In abbinamento al Ky Fazio ci saranno i famosi dolcini conventuali di mandorle di Maria Grammatico, la pasticcera di Erice che ha fatto conoscere i dolci siciliani nel mondo.

 

untitledUna combinazione perfetta, che coniuga i due simboli dell’eccellenza siciliana. Il Ky Vendemmia tardiva Fazio è frutto dell’appassimento in pianta delle uve di Zibibbo, una tecnica che consente di esaltare nel vino tutti i profumi del frutto. Il risultato è un vino fresco e non stucchevole, con il giusto equilibrio tra acidi e zuccheri, che ne fa uno Zibibbo di pronta beva che si sposa perfettamente con i dolci tipici della tradizione siciliana.

L’abbinamento con i dolcini di mandorle ericini è quindi d’obbligo. Dolcini, quelli della pasticcera di Erice Maria Grammatico, simbolo della storia della Sicilia. La ricetta, infatti, è antica di secoli e proviene dal Convento San Carlo di Erice, dove negli anni Quaranta la piccola Maria Grammatico venne mandata perché rimasta orfana. Lì imparò dalle monache di clausura i segreti per la preparazione dei dolcini di mandorle che anni dopo avrebbero fatto di lei una delle pasticcere siciliane più conosciute al mondo.

 

Casa vinicola Fazio – La storia dell’azienda

La storia della casa vinicola Fazio narra di una famiglia che da quattro generazioni porta avanti con passione l’arte della vinificazione, in un territorio come quello di Erice dove la viticoltura ha radici millenarie. I fratelli Vincenzo e Girolamo Fazio, supportati dall’enologo Giacomo Ansaldi, hanno fatto dell’azienda una delle cantine vinicole più conosciute e apprezzate nel mondo. La famiglia Fazio, inoltre, è stata promotrice del riconoscimento della Doc Erice, simbolo della dedizione che lega l’azienda al territorio.

I vigneti dell’azienda crescono sulle colline ai piedi del monte Erice, tra i 250 e i 500 metri di altitudine. Il clima fresco e ventilato, la presenza di rilievi montuosi e la vicinanza del mare conferiscono a questi luoghi caratteristiche uniche. La particolare conformazione geologica dei terreni dona alle uve profumi, freschezza e sapidità sostenuta da una buona acidità. La Casa vinicola Fazio ha a cuore la valorizzazione dei vitigni autoctoni come il Grillo, il Catarratto, l’Inzolia e il Nero d’Avola, che trovano nel comprensorio di Erice la propria culla naturale.